Sanificazione contro il Covid-19

L’igiene individuale e l’uso di dispositivi di protezione personale (come mascherine, guanti e visiere) sono fondamentali per combattere contro il Covid-19, ma da soli non bastano. I mezzi pubblici e i diversi spazi delle nostre città devono essere opportunamente sanificati e lo stesso deve avvenire negli spazi di lavoro in azienda.

Sanificazione

Non si tratta di una scelta, lasciata al singolo imprenditore o gruppo, ma di un preciso obbligo di legge. Le aziende che desiderano lavorare in sicurezza e nel rispetto delle norme, devono garantire una pulizia quotidiana di spazi e strumenti e una sanificazione periodica degli stessi.

Ogni azienda può scegliere se procedere con risorse interne alla sanificazione o affidarsi a professionisti esterni, ma quel che è certo è che la sanificazione dovrà essere sempre effettuata per tutelare la salute dei lavoratori.

Covid-19 e lavoro, obblighi e normative

Ogni azienda deve, per legge, garantire la pulizia a fine turno e una sanificazione periodica di tastiere, mouse e altri dispositivi, oltre che degli spazi in cui operano i lavoratori. Ogni azienda che desideri rimanere aperta e continuare a produrre deve ottemperare alle indicazioni date dal Ministero della Salute e dall’INAIL.

Nel caso in cui si determini la presenza di una persona positiva al Covid-19 in azienda, si dovrà obbligatoriamente procedere poi ad una tempistica ed accurata sanificazione straordinaria, come indicato nella circolare del Ministero della Salute n. 5443 del 22 febbraio 2020.

Senza dubbio per una sanificazione professionale e rispettosa delle più stringenti normative nazionali, sarà bene affidarsi a ditte specializzate che possano garantire i migliori risultati e assumersi la piena responsabilità del proprio operato.

Sanificazione contro il covid-19: vantaggi fiscali

La sanificazione dei luoghi di lavoro è obbligatoria e dovrà essere periodica, questo senza dubbio rappresenterà dei costi aggiuntivi per le aziende, costi che potrebbero risultare difficili da sostenere in particolare per le realtà più piccole e magari già provate dalla crisi.

Il “Decreto Cura Italia” ha pensato a queste potenziali difficoltà e visto che la sanificazione periodica è assolutamente irrinunciabile per limitare al meglio la diffusione del virus, ha previsto l’introduzione di uno specifico credito d’imposta che contribuisca proprio alle spese di sanificazione.

Le aziende potranno ottenere un bonus fiscale del 50% sulle spese sostenute per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro. Le spese andranno sostenute nel corso del 2020 e debitamente documentate e la misura del credito sarà pari al 50% di quanto è stato speso, fino ad un massimo di 20.000 euro per contribuente. Il Decreto Liquidità, seguito all’ormai noto “Cura Italia” ha poi esteso le spese oggetto del credito anche all’acquisto di dispositivi di protezione personale per i lavoratori e a gel igienizzanti.

Affidarsi a dei professionisti per la sanificazione periodica è uno dei modi migliori per avere un semplice e rapido accesso al credito di imposta e abbattere quindi in modo significativo una spesa che va comunque affrontata per poter lavorare nel rispetto delle linee guida ministeriali e tutelando al meglio la salute dei propri collaboratori e delle loro famiglie.

Sanificazioni: perché scegliere noi?

Abbiamo una lunga e comprovata esperienza nelle pulizie professionali ed utilizziamo per la sanificazione solo i migliori strumenti e i più efficaci prodotti naturali. Il tutto nel pieno rispetto dei più stringenti standard qualitativi e di sicurezza, sia nazionali che europei.

Contattaci, ti faremo in tempi rapidi un preventivo gratuito, chiedici informazioni telefonicamente o compilando l’apposito form sul nostro sito web.